domenica 9 novembre 2008

Cosa diranno

Visto che il Presidente Obama dice "saranno necessari sostegni al settore auto, che rappresenta "l'ossatura" del settore manifatturiero" cosa diranno coloro che ne hanno fatto un mito e che spesso sono gli stessi che sostengono "basta favori alla Fiat"?
Da unire a "un taglio delle tasse per la classe media" che in Italia varrebbe per quadri, commercianti ecc e certo non "lavoratori" come nella migliore tradizione di certi nostri politici.

Il mondo cambia.
I nostri politici no.

5 commenti:

Flavio ha detto...

Porca miseria!!! Il pd nasce dalle ceneri dell'ex pci e adesso questi fenomeni saltano sul carro del vincitore americano. Quando capiranno che comunque vada negli Usa goverà sempre un partito di destra? E che loro non possono essere amici di fidel scendere a patti con l'Iran e osannare Obama??
A volte rimpiango i vecchi comunisti...

Flavio

Anonimo ha detto...

Le classi politiche sono sempre state in ritardo rispetto a quello che succede. E' inevitabile: succede qualcosa; qualche studioso inizia a ragionarci su, ma ne parla solo nelle conventicole di professori; dopo inizia il brusio di tanta gente che, in maniera più o meno confusa, si accorge che è successo qualcosa di nuovo; da buon ultimo, arriva il politico che spera di avere voti "guidando" il qualcosa che è successo; ma nel frattempo è già successo qualcos'altro che solo quando sarà passato attirerà la attenzione del politico.
Però... però è vero che se un politico americano parla di sostegno all'industria automobilistica fa colpo perché, di solito, in America lo Stato non sostiene le industrie; da noi, invece, il rischio di imrpesa è spesso fiscalizzato. E non mi sembra che il dibattito sulla misura della fiscalizzazione del rischio di impresa in Italia abbia ancora raggiunto risultati univoci. Nel bene e nel male.
etienne64

Mike ha detto...

@flavio: a me sembra che il PD sia più figlio della DC che del PCI, viste le persone che ci sono dentro e vista anche la sua politica.
Detto questo io rimango convinto che sia per gli Stati Uniti che per noi Italiani, Obama sia una scelta molto migliore rispetto a McCain (ed alla famiglia Clinton). Inoltre la classe media USA credo che sia diversa dalla classe media Italiana, così come l'economia.

jerry ha detto...

salve, vorrei complimentarmi per il tuo blog.
vorrei invitarti ad iscriverti al nuovo aggragatore http://www.blog360gradi.com l'iscrizione del tuo blog è gratuita e ti darebbe maggiore visibilità.

Anonimo ha detto...

Riguardo ai nostri la migliore scena, o una delle migliori scene, fu la presenza del Presidente del Consiglio D'Alema alle celebrazioni del 50° anniversario della fondazione della NATO nel 1999, a Washigton.

Per la cronaca odierna comunque niente paura ragazzi.

Obama sembra dica una parolina buona sullo scudo stellare...

Checco Raggio