martedì 18 novembre 2008

Diffidare

Chi scrive è un ottimista, e si fida delle persone (fino a prova contraria), faccio parte con la mia azienda di quella ormai rarissima schiera di persone per le quali vale più una stretta di mano che un contratto.

Ma non è più così, la vita mi sta insegnando che è meglio diffidare, muoversi con l'avvocato, coprirsi le spalle. Che il mondo è pieno di merde (mi si perdoni il francesismo) la cui viscida stretta di mano conta meno di niente.

Eppure io continuo a rifiutare l'idea che ci si debba comportare così.
Che il mondo sia ormai pieno di approfittatori e gente senza parola e dignità.

Quando poi queste cose arrivano da persone alle quali hai dato la massima fiducia aziendale e personale la delusione è cocente.

8 commenti:

Woman ha detto...

Ci sono molti squali travestiti da pesci angelo...
Anche io sono di "pasta vecchia" e una stretta di mano vale piu' di mille scritti... ma mi sono resa conto che rarissimi sono quelli che la pensano cosi'...
E spesso non vedono l'ora di stringerti la mano per ammanettarti a qualche masso da buttare poi in fondo al mare...

commercialista ha detto...

sono tempi difficili...
e non miglioreranno a breve.

Checco Raggio ha detto...

@ wib
@ commercialista

Concordo pienamente.
L'importante é non cedere al "realismo" e affinarsi imparando dalle sconfitte (poche se possibile).

La schiena-diritta alla fine paga.

Saluti a tutti

Buddy Fox ha detto...

Ciao!
Sai che sono anch'io così... ed anzi credo, andando nuovamente in controtendenza, che questo momento negativo potrà riportare quella genuinità.
In ogni caso, se gli altri hanno questo atteggiamento viscido, preferisco le delusioni e rimanere me stesso, piuttosto che assomigliare al peggio.

ciao
Buddy

Anonimo ha detto...

Ma la delusione è cocente perché, per fortuna, rara.
Deo gratias, gli avvocati servono solo in casi eccezionali. Un po' come i dottori.
Vedila così: se ogni giorno ti succeddessero cose del genere, ci faresti il callo. Se ti brucia, vuol dire che, alla fine, son cose rare.
etienne64

filippo ha detto...

anch'io sono un inguaribile ottimista. Purtroppo ho preso molte legnate. Oggi non sono più un dirigente e non faccio più parte di un'azienda. ne ho creata una piccola. Oggi è più facile sapere se sei amico o nemico.

Giorgio R. ha detto...

Oggi l'impresa è capire chi hai di fronte.

L'imprenditore ha detto...

Bellissima la frase di Giorgio R.
"l'impresa (e il fare impresa aggiungo io) è capire chi hai di fronte"
La riciclerò

@Etienne
Vero, per fortuna lo vedo poco per lavoro il mio carissimo amico avvocato. Ma girano lo stesso.

@ woman
mi conforta che io resto convinto che la vita alla fine sia in equilibrio e quindi la pagheranno