giovedì 11 febbraio 2010

Incertezze

Neve: sembra una scemata, ma non si sa più dove metterla.
Non si scioglie e a furia di accumulare n fondo al piazzale il piazzale si è rimpicciolito di parecchio.
Uno dice: fai venire un camion a portarla via.
Vero, ma visto l'andazzo prima mi devo informare se va considerata rifiuto da smaltire (potrebbe contenere residui raccolti sul piazzale o olio) e in tal caso andrebbe pesata e andrebbe pagato un quibus, oltre a smaltirla nei dovuti modi, caricare il registro rifiuti ecc.

Insomma, uno mette anche il cliente al centro, ma poi passa le giornate a occuparsi di burocrazia.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Surreale.

E lo spazzaneve che pulisce la strada che fa? La porta a smaltire?

L´Europa é un delirio di regole assurde. E l´Italia é in questo eccelle.

Perseveriamo fino al collasso!

Marketing Park ha detto...

Suggerisco un rimedio antico, ecologico (sfrutta l'energia solare, quindi molto "in"), e senza costi di copyright (il brevetto ai tempi di Archimede non esisteva): http://it.wikipedia.org/wiki/Specchi_ustori

Un cato saluto

TZ

Anonimo ha detto...

Un altro rimedio a costo zero é spingere la neve fuori dal cancello... e poi chiamare il Comune. :)

L'imprenditore ha detto...

Grazie TZ, magari per il prossimo inverno....

Voi pensate io scherzi ma il dubbio mi è venuto perché ricordo di aver letto da qualche parte di un'area di stoccaggio della neve asportata dal comune nelle vie del centro e sequestrata come deposito rifiuti non autorizzato da un magistrato.

L'imprenditore ha detto...

@anonimo, purtroppo sono su una provinciale, se la spingo fuori lì resta mi sa