martedì 16 febbraio 2010

Nel mirino

Leggo sul Sole di sabato (sempre indietro) che la GDF concentrerà la propria attenzione su coloro che fanno esportazioni e poi nella denuncia IVA dichiarano volumi di affari inferiori alle esportazioni che fanno.

Ci stanno dicendo che non lo facevano?

Ma chi c'è Winnie The Pooh a gestire i Database?

Per forza poi c'è un sacco di evasione, se non incrociano neppure i dati che hanno!

11 commenti:

Anonimo ha detto...

PARADOSSO

Quelli che esportano e non pagano tutte le tasse... almeno tasse le pagano.

Accanirsi contro di loro proprio ora é giusto in linea di principio. Ma se funziona, il risultato sará controproducente. Tra multe e sanzioni, molti probabilmente chiudono.

Dopodichè non pagano nemmeno quelle poche tasse che pagano ora. I dipendenti perdono il posto e chiedono sussidi. E la bilancia commerciale peggiora.

In questa situazione particolarmente grave, conviene spendere soldi per far chiudere i pochi che riescono a sopravvivere?

Stefano ha detto...

In effetti con un utilizzo spinto dell'IT tante differenze tra redditi dichiarati e beni posseduti potrebbero essere facilmente scovate. Il problema è che manca la volontà politica di farlo; dal Paese arriva una domanda di anarchia e impunità e il modo migliore per vincere le elezioni è soddisfarla. Dimenticando che il debito pubblico oggi equivale a maggiori tasse domani.

Anonimo ha detto...

Dimenticavo. @Anonimo: sono un lavoratore dipendente che ogni mese ha trattenute per 1000€, posso anch'io non pagarle tutte? Voglio pagarne meno, così anche io posso vivere meglio.
Se tutti pagassero il dovuto avremmo meno debito pubblico, meno tasse e una migliore bilancia commerciale.

doktorfranz ha detto...

La notiziola mi era sfuggita, ma hai fatto bene a farla notare. Purtroppo l'unico commento che si può fare è desolatamente ripetitivo: questo è un Paese nel quale alle autorità (in)competenti sfugge persino il senso del ridicolo ....

Mi permetto, a latere, di rispondere al secondo anonimo (ma mettete almeno un nome, fosse anche Asterix .... ), perché quando sento ripetere il consueto mantra catartico "se tutti pagassero il dovuto avremmo meno debito pubblico, meno tasse e una migliore bilancia commerciale" nemmeno so più se ridere o piangere: è mai possibile che non ci si renda conto che la soluzione non è incrementare ancora le entrate - con una tassazione già da record mondiale - bensì ridurre le spese di questo Stato da operetta, peraltro tragica?
Sì, perché è ovvio che le regole vadano rispettate - ed eventualmente l'azione legittima consista nella spinta al cambiamento - ma ciò che rende complicato lavorare in questa repubblica delle banane è la scarsissima efficienza legata all'invasività della mano pubblica, senza alcun rispetto per il vincolo di bilancio.
Urge introdurre sin dalle scuole elementari un minimo di nozioni economico-matematiche di base, del tipo: Pierino ha due mele e ne mangia tre, spiegate alla maestra come fa ..... :-)

L'imprenditore ha detto...

@anonimo 19:42
ma qui non si tratta di evasione ma di truffe (e grosse) di IVA.
E di solito sono fatturifici, dipendenti nessuno....

@doktorfranz
sai bene che per fare tornare i conti quando non vuoi un risultato negativo puoi aumentare il numero di partenza o diminuire il numero da sottrarre.
In Italia si parla sempre del numero di partenza.
Ti risponderebbero che Pierino deve avere 4 mele, magari rendendo indeducibili le 2 mele marce che aveva nello zaino.
Affamare la bestia è una bellissima teoria, poi in concreto la bestia siamo noi e nessun pierino vuole rinunciare alla terza mela.
E non dimenticare che per quasi tutti più comodo dare la colpa agli "altri" evasori ecc che ammettere che viviamo sopra le nostre possibilità e manteniamo una struttura elefantiaca ed inefficiente di cui quasi tutti attraverso parenti in parte ecc godiamo.

L'imprenditore ha detto...

manca un è
E non dimenticare che per quasi tutti è più comodo dare la colpa

Anonimo ha detto...

@Doktorfranz

Esatto. Pagare le tasse in Italia é come versare acqua in un colino. Per quanta se ne versi, non si riempirà mai! Ma la causa non é che qualcuno non versa abbastanza. Il problema è che ci sono i buchi!!


@Anonimo 21:35

Io penso che le leggi vadano rispettate e che le tasse vadano pagate.

Però, penso anche che lo Stato debba prelevare il minimo indispensabile e gestirlo in modo onesto ed efficiente.

Se un cittadino non é contento del bilancio tra tasse pagate e servizi ricevuti, invece di evadere le tasse, consiglierei di trasferirsi in qualche altro paese che offre condizioni migliori. Rispettando le regole locali.

Questa opportunitá, per il momento, c´é ancora...

Anton

Anonimo ha detto...

Quando trovano qualcuno davvero bravo a falsificare i conti... gli conviene nominarlo Ministro!

:D

Mi sa che é l´ultima speranza!!

[m]m ha detto...

mio dio.

Mariolartigiano ha detto...

Anche l'agenzia delle entrate e la gdf hanno capito l'uso dell'"effetto annuncio"... Poi come finisce comunque la storia importa poco... Controlli pochi, senza senso ed estremamente punitivi per coloro che c'incappano senza aver troppo modo di difendersi...
L'unico fatto certo è che qua le tasse sono da strozzinaggio puro, ma finchè anche chi prende 1000 € al mese non lo capisce ci sarà poco da fare... Se capisse che con questi livelli di "esproprio" tolgono anche a lui la possibilità di sognare un futuro migliore non c'è possibilità di andare da nessuna parte... Chi parla si può paragonare a chi prende quella cifra quindi non penso di essere di parte... Provate a dirlo a coloro che per fare qualcosa sono costretti ad aprire una partita IVA... Poche norme, chiare, semplici e soprattutto lecite, una tassazione al 25/30% è lecita, oltre è una ruberia intollerabile...!

Anonimo ha detto...

Il sistema dovrebbe essere al servizio dei cittadini.

Ora, perversamente, é il contrario.

Solo che non si può spingere il limite sempre più in là all´infinito.

O il sistema cambia. Oppure arriva al collasso.

Secondo me, il sistema non é in grado di riformarsi...