venerdì 20 febbraio 2009

Take a knife and cut this pain from my heart

We learned more from a three-minute record than we ever learned in school

My daddy was a stranger [...]
When I was a kid
He was just somebody I'd see around

Crescere in una famiglia povera, in un piccolo centro, con genitori distratti (unica cosa che non è cambiata) dove i rampolli delle famiglie "bene" del posto un po' per la condizione sociale, un po' perché sei un ribelle ti evitano o perlomeno ti guardano con sufficienza alimenta la tua voglia di riscatto sociale.

Poor men wanna be rich, rich men wanna be kings

Poi il tempo passa, qualcosa riesci a combinare (magari più di quei famosi rampolli) e le tue prospettive cambiano.

It's a town full of losers
And Im pulling out of here to win.

Io amo il mio lavoro, non potrebbe essere diversamente. Fare l'imprenditore è qualcosa che assorbe completamente, 24 ore al giorno, 7 giorni la settimana. Stacchi ma non stacchi, il cervello lavora sempre e cerca di mettere a posto le idee girando in background anche mentre fai altro.

Ma l'altra sera sentivo, in relax, l'amatissimo Springsteen, ripassando i testi, che spesso sono ormai così familiari che non li senti quasi più.

E ho capito cosa mi accomuna a lui (ci sono tante strane coincidenze anche nelle nostre vite), cosa mi ha sempre appassionato delle sue canzoni. Probabilmente lo so da sempre, ma in questo caso ho avuto una specie di visione, forse legata al periodo.

La voglia di riscatto, in una fase, la voglia di libertà e di fuggire in altre fasi. E poi alla fine la calma, l'essere padre. L'essere uomo.

Now there's things no one can rearrange
We both have yesterdays that we can't change
It's closing time - bartenders ringing last call

A volte portare il fardello delle responsabilità di guidare una azienda è qualcosa che chi non ha provato non può immaginare. Ti senti sulle spalle il peso dei collaboratori, delle loro famiglie, dei clienti e di tutti coloro che dall'azienda ottengono il lavoro.

Factory takes his hearing, factory gives him life,
The working, the working, just the working life.

Senti il peso delle tue scelte, sai che un tuo errore è costoso, in termini di risorse, non solo economiche, ma anche e soprattutto mentali e di stress.
L'azienda che va male o ha problemi causa forte preoccupazione nei collaboratori, nei fornitori, nei clienti.

I got a job working construction for the Johnstown company
But lately there aint been much work on account of the economy

E, a volte, ti chiedi cosa sarebbe stata la tua vita se avessi potuto seguire altre tue passioni, essere più libero, non sempre inchiodato qui alla scrivania a cercare di risolvere problemi.
Una vita che sai che avrebbe comunque i suoi problemi ma, si sa, l'erba del vicino è sempre più verde.

I've done my best to live the right way
I get up every morning and go to work each day

Occuparsi di musica, fotografia, arte. Viaggiare, libero, per il mondo senza orari e senza la corsa al prossimo appuntamento, alla prossima riunione.

When I'm out in the street
I walk the way I wanna walk
When I'm out in the street
I talk the way I wanna talk

Vengono periodi nei quali queste cose sono sfumate, vengono periodi nei quali per cose che ti succedono o per la situazione generale questi pensieri si fanno più forti.

Blow away the lies that leave you nothing but lost and brokenhearted

E allora l'azienda, il lavoro e il contesto ti fanno sentire come un cane legato con la catena alla sua cuccia. Che non può allontanarsi più di qualche metro, mentre sognerebbe di girare, libero, per il mondo.
Sai bene che una cuccia ci vuole.
Ma il ribelle che è in te vorrebbe spezzare la catena.

Ecco, dentro lo Springsteen d'annata c'è tutto questo: amore, voglia di riscatto, voglia di libertà, senso del dovere.
"siamo cresciuti insieme" come disse a San Siro qualche anno fa. Adesso siamo uomini con i loro pregi e i loro tanti difetti e debolezze. Con doveri e convenzioni sociali.

Ma è bello sognare, ogni tanto, una rinascita

Someday girl I dont know when were gonna get to that place
Where we really want to go and well walk in the sun
But till then tramps like us baby we were born to run

`cause summer's here and the time is right
We're goin' racing in the street

5 commenti:

adiy ha detto...

Sono felice che quando avevo solo 12 anni mio fratello maggiore "indirizzò" il mio primo acquisto di un vinile, era Born To Run. Sono affezionatissimo a quel disco e quando riascolto Born To Run, ricordo come era bello saltare e sognare su quelle parole per mè allora incomprensibili. Oggi ne capisco il significato e capisco che quello che sentivo allora era esatto: "amore, voglia di riscatto, voglia di libertà, senso del dovere".
Grazie per questo tuo post.

Dottore Commercialista Milano ha detto...

un bel post. dei bei pensieri a cui mi avvicino con pudore.

un abbraccio
andrea

Free Rider ha detto...

Qui ci sta bene il vecchio leone Bob Seger che la sapeva lunga...

Well those drifters days are past me now
Ive got so much more to think about
Deadlines and commitments
What to leave in, what to leave out

Against the wind
Im still runnin against the wind
Well Im older now and still running
Against the wind

L'imprenditore ha detto...

@ free rider

beh, uno che si definisce "free rider" e mi cita il buon B Seeger dicendo che andiamo controvento... se poi ha anche dei bicilindrici americani... (ma van bene anche altre moto)

beh, qualcosa in comune l'abbiamo, via :-)

prime ha detto...

Una delle più belle rappresentazioni della vita da imprenditori.

Complimenti.

:-)