giovedì 6 settembre 2007

Svolta fascista

Sono d'accordo con Amato.
E' proprio con i falsi solidarismi e situazioni di illegalità diffusa che , come ho già scritto, nasce la voglia "dell'uomo forte" in grado di mettere a posto le cose che non funzionano.

L'Italia è un falso paese solidale. La qualità della nostra spesa sociale è infima.
Spediamo tantissimi soldi in pensioni, magari per baby pensionati e pochissimo per chi davvero ha bisogno.
E spesso viene favorito chi è un falso bisognoso, e magari vive nell'illegalità.
Poi è vero, ad esempio, che la sanità è gratuita in Italia, ma provate a fare gli esami passando per i canali normali in ospedale, tempi biblici.
Solidarietà e servizi efficienti a chi ne ha vera necessità, non per riempirsi la bocca.

6 commenti:

Marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marco ha detto...

purtroppo l'italia è rimasta quella dei fasci e delle corporazioni.
han solo cambiato pelle o colore della camicia.

Anonimo ha detto...

Siamo e rimaniamo un paese di m...a, dove non c'è coesione sociale e dove si dice meglio a te che a me. Cmq tira a campare

gianni ha detto...

non so neanche di preciso cosa ha detto amato, ma impossibile essere d'accordo con lui. lui nel 1992 era presidente del consiglio dei ministri, disse che quella sarebbe stata la sua ultima esperienza politica, introdusse l'isi (imposta straordinaria sugli immobili) diventata poi ici, svalutò la lira, e come ultima chicca prelevò, anzi rubò dai depositi e conti degli italiani il 6 per mille.

Anonimo ha detto...

Concordo pienamente con le parole di Amato. Aspetto solo di vedere il voto al decreto che stà preparando ...vinceranno gli interessi di partito con la CdL che vota contro o, per una volta, vinceranno gli interessi dei cittadini che vogliono tale decreto?
Temo di conoscere già la risposta ... e temo anche che, finchè prevarrano gli interessi di partito, non cambierà mai nulla ... a prescindere se "comanda" Tizio o Caio.

PASQUALE ha detto...

PAROLE PAROLE E TANTE LAMENTELE, AGIAMO COMBATTIAMO MA UNIAMOCI CONTRO TUTTO CIò CHE NON CI STA PIU' BENE LA POVERTA' ITALIANA MA DOV è SE SIAMO IL PAESE PIU'CONSUMISTA.I CONTI NON TORNANO ALLORA C'E' IL RICCO E IL POVERO CIOE'CHI RUBA E CHI SUBISCE.......