mercoledì 4 gennaio 2006

Vatti a fidare

Mi raccontano.
Una signora compera una borsa di Gucci dal concessionario locale, negozio very chic con tutti i grandi marchi.
La borsa si rompe e la porta a riparare da Gucci dove le dicono che i falsi non li riparano!
Scontrino, borsa, foto ecc vengono portati alla locale Guardia di Finanza senza passare dal negozio.
Pare la cosa abbia preso una brutta piega per il negoziante, controllato per bene col suo magazzino dagli uomini in grigioverde.

Nel frattempo partono le voci su altri negozi che, si dice, commerciano in falsi, così nel polverone generale non si capisce più di questa storia cosa è vero e cosa è falso e chi è l'indagato.

3 commenti:

barni ha detto...

un altro brutto colpo per colpa delle contraffazioni.
un sito interessante che tutela la "marca" : http://www.centromarca.it/index.php

[mini]marketing ha detto...

vuole anche dire che a occhio nudo il falso non si distingue dal vero....

L'imprenditore ha detto...

Notoriamente a volte i falsi belli sono fatti dallo stesso laboratorio che fa gli originali.
E' anche vero che se comperi presso un concessionario non stai a controllare troppo.
E il concessionario credo rifili falsi belli, non da bancarella.