martedì 29 maggio 2007

Tutti uguali

Intesa per gli statali: 101 euro di aumento - Corriere della Sera

Quando c'è da calare le braghe con gli statali (tanto poi basta aumentare le tasse, son soldi nostri, mica pagano loro) son tutti uguali.
Berlusconi aveva dato aumenti fuori linea, poteva Prodi fare peggio (per gli statali)? No certamente.
Ci son pur sempre i ballottaggi in arrivo.

2 commenti:

sergio ha detto...

CVD come volevasi dimostrare, per gli statali questo ed altro. Sono altamente produttivi, senza di loro il paese si ferma. Orco giuda, ho avuto un aumento di 15 euro lordi + scatto di 15 euro (lordo pure quello) e questi si beccano 101 euro, con orario continuato, e senza fasre un c...o, mentre il sottoscritto fa spezzato e straordinari non pagati. Non c'è più religione. E come diceva Freak Antony (Skiantos) "COSA PRETENDI DA UN PAESE CHE HA LA FORMA DI UNA SCARPA?" Saluti

MenoStato +mercato +libertà ha detto...

Il principale motivo per il quale sia il centro-destra che il centro-sinistra calano le braghe, e' che i pubblici dipendenti sono 'solo' 3.500.000, ma in ogni tipo di elezione (comune, provincia, regione, etc) in cui c'e' la preferenza, sono portatori di preferenze.

Ai politici di professione, più che i voti al partito (che potrebbero portare anche i dipendenti privati, che sono 12.000.000 milioni), interessano le preferenze alla loro persona, in modo da essere rieletti.