lunedì 18 dicembre 2006

Aiutate i poveri

L'attuale governo si è scagliato per lungo tempo contro chi vive di "rendita" e in particolare con i furbetti del quartierino. Con coloro che si sono arricchiti con il settore immobiliare (definito appunto di rendita) negli ultimi anni.
Il mercato immobiliare negli ultimi anni ha fatto esplodere il patrimonio di chi ha saputo lavorare bene o ha (in alcuni casi) costruito dei castelli di carta sull'indebitamento garantito da immobili che venivano comperati e venduti a prezzi crescenti fra "amici".

Non a caso in prima battuta ha inserito norme che rischiavano non di penalizzare ma di far saltare in aria il settore.

Nei fatti poi, come spesso accade, introduce adesso delle norme che aiutano i loro principali elettori di riferimento: essendo il centro sinistra, uno si attende che possano essere i piccoli proprietari che col sudore della fronte hanno comperato un appartamentino che un giorno passerà ai figli e oggi è in affitto.

Sbagliato.
I loro elettori di riferimento sono i poteri forti.

Eccoli allora introdurre le SIIQ, le società immobiliari quotate.
Che avranno grandissimi benefici fiscali. Ad oggi ammetto di averne letto distrattamente, ma il fine della cosa l'ho capito.
Far pagare pochi soldini di tasse a poveracci come Del Vecchio (Beni Stabili), Pirelli Re, Zunino (Risanamento) ecc ecc
E non venitemi a raccontare dei limiti azionari, che con le strutture societarie che ci sono in quel settore ci vogliono 2 minuti a evitarle.

2 commenti:

Marco S. ha detto...

applausi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

chissà se il senatore salvi si riferisce anche a questa quando parla di (testuali parole) porcate nella finanziaria.