giovedì 5 ottobre 2006

Disastro?

IGN - Economia - CONTI PUBBLICI: ISTAT, IN I SEMESTRE 2006 DEBITO-PIL AL 2,9%
Adesso scopriamo che il disastro della finanziaria di Tremonti, che sarà anche antipatico ma secondo me è persona capace, ha portato il rapporto debito/pil sotto il mitico 3%.

E' questo il disastro?

O... è un'altro?
E' redistribuzione alzare le tasse per portare 260 euro all'anno in tasca ai poveri, non pochi per carità per chi guadagna poco, ma che non cambiano la vita.
E' che le "liberalizzazioni" erano la corrispondenza delle leggi ad personam di Berlusconi, alla fine sono rimasti praticamente solo i farmaci nella grande distribuzione. E guarda caso le Coop in una settimana sono partite, avevano tutto: espositori, farmacista (mi pare ci voglia), farmaci ecc ecc. Si può fare così solo se si sapeva già.
Prodi ha fatto la sua bella donazione esentasse mesi fa.
Della Valle ha esercitato le stock options il giorno prima della nuova legge.
Fiat ha ottenuto incentivi e prepensionamenti.
Epifani approva la finanziaria che ha accolto tutte le loro richieste.
Solo i sindaci non ci stanno ad alzare le tasse locali. E il più arrabbiato è Cofferati, un'ex icona della sinistra (fino a che faceva il sindacalista).
La verità è che questa è una finanziaria che spende per mantenere i privilegi.
E che gli amici degli amici, guarda caso, come sempre, hanno una fortuna sfacciata nel fare operazioni nei momenti giusti.
E un bell'indulto che comprende i reati finanziari serve sempre. Si sa mai che scappi una parola su finanziamenti ecc.

Qualcuno mi ricorda per piacere come sta andando la questione Unipol? Ne avete più sentito parlare? E di Tanzi?

14 commenti:

OZZ ha detto...

La questione di Unipol? Stanno chiedendo l'archiviazione per gran parte di ciò che riguarda Consorte...

duca ha detto...

In compenso fanno sciopero i giornalisti, così mettono il bavaglio al malcontento e rendono tutto più soft.

faus ha detto...

Che strano!!!
Archiviano la questione Unipol!!!

Blog interessante.
Complimenti

Anonimo ha detto...

si, invece col governo di prima l'informazione era LIBERA vero?

gli accordi del piffero con quella o altra azienda di proprieta' politica NON esisteva vero?

e prima chi era considerato povero poteva SPERARE in quel governo vero?

non c'e' proprio nessuna differenza con VOI.

che pena fate ragazzi... l'unica speranza e' che siate gia' abbastanza avanti con gli anni e vi togliate naturalmente alla svelta dai coglioni (che saremmo noi giusto?)...

Max ha detto...

Noooooooooooo Cofferati, non lo nominare....
La solita candidatura piovuta dall'alto, il solito politico/sindacalista che una volta seduto sulla poltrona di sindaco si è accorto che di amministrazione non ne sapeva nulla.
Per la verità dimostra di non conoscere nemmeno la città.

Saluti da un bolognese che non ha votato Cofferati.

Max

luigi.D ha detto...

Io spero solo che un giorno o l' altro si torni a fare Politica.
La cosa piu' drammatica di Berlusconi, piu' delle leggi "ad personam" piu' di tutti gli intrallazzi (che ora si ripetono con i rossi) e' che non si ha piu' un' idea politica: si TIFA un' ala politica.

Non mi piace.

Marco ha detto...

ma che simpatico l'anonimo manicheo.
cosa dovrei fare dopo i suoi benevoli auspici? dare una palpatina scaramantica ad un paio d'amici che han votato a sx?

che poi uno si chiede come mai non riesca a sbocciare un timido fiore liberale in questa desolata patria, ma per forza, è una pietraia!

Zener1992 ha detto...

Come al solito l'unico commento offensivo è anonimo.
Solo i codardi si comportano così: coprendosi il volto.
Ne ho una certa esperienza: sono di Genova e quel 21 luglio 2001 (G8) di codardi ve ne furono veramente tanti a contestare quel concilio tanto voluto da D'Alema.
Datti un nome o un'identità.
Dimenticavo.
l'hai data: hai detto che sei un coglione.
scusa.

Anonimo ha detto...

Anch'io sono anonimo perchè non ho voglia di registrarmi però mi vine da dire, per uno che è così padrone di tutta l'informazione italina come Berlusconi è riuscito a costruirsi da solo una campagna di odio verso se stesso che non ha precedenti nella storia d'Italia. Anche con il calcio la Juventus aveva colpe che avrebbero riempito pagine intere e sui titoli si riportava Milan....
Sarà un po' da rivedere l'opinione che abbiamo della proprietà dell0'informazione? IO suggerisco di fare un piccolo gioco: i giornalisti che fanno carriera ad esempio in Rai da dove arrivano? Forse da RCS? E chi ha la maggioranza di RCS? E chi appaggia Prodi? E chi è presidente degli editori nonchè della categoria più rappresentata al governo ossia confindustria?

Anonimo ha detto...

avete ragione...

vi ho un po' offeso senza darmi un'identita'...

mi chiamo Francesco e vivo all'estero da qualche anno... indovina perche'... :-)

caro Zener, non confondere le cose in merito a Genova... ripeti lo stesso errore di TROPPI ALTRI confondendo alcuni poveri di mente e codardi, come dici giustamente, che volevano rovinare una GIUSTA manifestazione, con il solo (ma ricorrente nella storia) obiettivo di far credere alla gente il contrario di cio' che vedeva...

mi spiace solo doverti rivelare che molti di loro erano merdose TESTE DI CAZZO COPERTE di estrema destra.
Vedrai, con il tempo (speriamo) la verita' vien fuori...

sono d'accordissimo con il commento di luigi.d

Saluti, e vita breve ad alcuni...

luigi.D ha detto...

Io ivece caro anonimo non sono affatto daccordo con te.
Fatti una domanda: credi di riuscire ad ottenere un dialogo costruttivo facendo cosi'?
In vita mia ho partecipato ad iniziative aorganizzate da centri sociali (quando ero un po' piu' giovane) cosi' come ad iniziative della lega nord, dipende da qual' e' il fine.Se ritengo giusto, o anche solo divertente il fine (nel caso della lega erano cene di paese) perche' dovrei precludermi la possibilita' di parlare con le persone.Non ho bisogno di yesman, e' molto meglio confrontarsi con persone che "non" la pensano come me.
Ma per fare cio' occorre prima di tutto educazione.

Anonimo ha detto...

@ luigi.d

continuo a trovarmi d'accordo con te... e penso sinceramente che entrambi siamo piu' o meno sulla stessa opinione... ammetto di non essere cosi' evoluto da comprendere le posizioni di tutti, e se proprio vuoi che la dica tutta ho partecipato anche io a ritrovi di parti moolto differenti tra loro... pur sempre evitando di scendere nelle "tifoserie" di cui parli.. ma nello stesso tempo non ritorno indietro su cio' che ho detto.. questo lo devo all'esperienze che ho accoumunato dalla mia "giovinezza", che mi hanno portato a decidere DA SOLO su cio' che reputavo meglio per la mia coscienza.
Per rispondere alla tua domanda.. si, credo che il dialogo piu' costruttivo debba iniziare dalle opinioni piu' discordanti tra di noi... Ho rispetto per chi non la pensa come me, e tanto, ma non accetto stereotipi di nessun tipo. per questo a volte mi incazzo.

Un saluto.

Francesco, U.S.

Anonimo ha detto...

Ma dov'é il Berlusconi politico ?
Si é forse trasformato nel Berlusconi imprenditore che se ne sta in un angolo sotto il ricatto del conflitto d'interessi ?
Le sue recenti retromarce sulle azioni di contrasto a QUESTA SCIAGURATA FINANZIARIA sono svanite. Dovremo cercare un altro leader ?
E gli imprenditori che giustamente si lamentano cosa aspettano a mandare a casa Montezemolo ?
Vi prego, facciamo qualcosa !! NOn si può restare impassibili di fronte al disprezzo del settore produttivo che regge l'economia Italiana.

Anonimo ha detto...

Berlusconi politico ha sempre avuto paura, troppa paura dei poteri forti per fare davvero una politica efficace per lo sviluppo (anche se l'idie c'era). Il conflitto di interessi di Berlusconi è una trovata giornalistica dei poteri forti che lo contrastano per rovinarlo. Berlusconi politico ora se ne sta zitto perchè ha paura che lo stiano annientando: lo hanno tentato di fare nel calcio coinvolgendo il Milan (non per nulla hanno chiamato Borrelli la cui reputazione è risaputa ed il cui fine con Rossi - che insime ha fondato il movimento Libertà Giustizia ved. omonimo sito- è quello di liberare l'Italia da Berlusconi), poi con le tv. Si dice che l'intenzione di Fiat ora sia riavere da prodi la telefonia e una rete rai e una mediaset per fare il terzo polo televisivo, perchè a suo tempo non avendo avuto fiuto per gli affari si è fatto sfuggire l'opportunità, lasciandola a Tronchetti e Berlusconi! Ora si sono accorti che la tv e i telefonini sono la gallina dalle uova d'oro!